A Roma con la Fortitudo (1-1) sfiorata una vittoria meritata (puniti da un penalty, tante occasioni gol e rigori non concessi). Bravi ragazzi!

Fortitudo-Gaeta

Fortitudo Roma – Pol. Gaeta 1-1

 Fortitudo Roma : Picca, Pierri (1’ st Ciambella), Tocci, Cervellini, Di Tolla, Nardone,  (5 st Proietti), Trivelli (23’’ st Berbeglia), Cosseddu (23’ st Necci Alessandro), Cannistraci (1’ st Felenou Job). D’Agostino, Necci Andrea. A disp. Filippo Tordella, Alde John – All. Mancini

 Pol. Gaeta : Giunta, Ciotola (41’ st Lorenzini), Marciano, Forcina, Matrullo, Popolla, Esposito (19’ pt Perillo), Monetti, Cardi (1’ st Mazza), Trani (22’ st Sai), Cardia (15’ st D’Ambrosio). A disp. Razza –  All. Melchionna

 Arbitro : Sig. Potenza di Roma

 Marcatori : 31’ pt Matrullo (G), 14’ st D’Agostino (F)

 Note : espulso 27’ pt Filippo Tordella dalla panchina per proteste (F). Ammoniti : Necci Alessandro (F), Perillo, Forcina, Mazza (G). Angoli 5 a 3 per la Fortitudo – Rec. 1’ pt , 5’ st

 

 

Il Gaeta ottiene in trasferta il terzo risultato utile consecutivo, due vittorie e un pareggio. Scesa in campo come sempre con lo schieramento più giovane del campionato, due ’99 e quasi tutti ’98 la formazione di mister Melchionna porta a casa un preziosissimo pari che però le sta stretto, con tra l’altro tante grosse occasioni gol create ma vanificate, contro la quinta della classifica.  La partita viene giocata da entrambe le contendenti a viso aperto. Al 10’ Necci spedisce di poco a lato un colpo di testa con Giunta in uscita. Al 12’ Cardia viene steso in area, fallo netto, ma il direttore di gara non concede il penalty. E’ solo il primo dei penalty reclamati dall’undici ospite. Prima mezz’ora di gara che scorre in equilibrio. Al 31’ gli ospiti si portano in vantaggio grazie a Matrullo, che dall’interno dell’area, dopo essere stato servito su punizione da Cardia, con una bordata di collo pieno, supera l’estremo difensore capitolino. Al 35’ biancorossi vicino al raddoppio con Cardi, che in scivolata, sotto porta, si fa parare il tiro da Picca. Primo tempo che termina sull’1 a 0 per la squadra del golfo. La ripresa vede ancora il Gaeta attivo, con Cardia che si invola sulla fascia, mette in area una palla molto pericolosa che danza sulla linea di porta, senza che un compagno possa intervenire. Al 10’ Picca, in uscita disperata,  con il tallone devia sul fondo un tiro di Cardi. Ed ecco la dura legge del calcio, gol mancato, gol subito. Al 14’ i padroni di casa agguantano il pari, grazie ad un benevolo rigore, concesso per fallo a dir poco dubbio di Forcina sull’ attaccante romano. D’Agostino realizza dal dischetto. Al 20’ Giunta respinge un bel tiro da fuori di Felenou. Da questo momento e fino al termine c’è solo una squadra in campo, il Gaeta. I pontini sono i padroni del campo, cercano di premere sull’acceleratore  per portare a casa l’intera posta. Al 41’ Perillo si fa respingere un gran tiro da Picca in uscita, sfera che gli ritorna sui piedi, doppio dribbling in area, calcia in porta a colpo sicuro, ma sulla linea trova un difensore che  gli nega la gioia del gol. Passano due minuti ed il nuovo entrato Lorenzini, prende palla all’altezza di centrocampo, semina il panico tra gli avversari, entra in area, nel calciare viene falciato, rigore sacrosanto, ma anche questa volta l’arbitro dice no. Concessi 5 primi di recupero. Gaeta ancora all’arrembaggio con Matrullo, oggi scatenato, che partendo dalla sua metà campo, dribbla tre avversari, calcia da fuori, ma Picca para. Il match termina  1 a 1.Ovviamente un po’ di rammarico a fine gara tra i biancorossi per i tre punti lì lì a portata di mano ma sfumati ma anche grande soddisfazione per un gruppo in decisa crescita che da alcune gare riesce con continuità a far gioco e punti ovunque. E i risultati sono sempre accompagnati da altre nitide opportunità per far gol. Un bel segnale per il prosieguo,che nell’immediato vedrà i gaetani opposti al San Carlo alla Dilettanti Falasche.