COL PODGORA UN UNICO OBIETTIVO, VINCERE ANCORA…

borgo pod

Restare concentrati e giocare con grande determinazione anche con il Podgora, prossimo avversario al Riciniello. E’ questo l’imperativo per i biancorossi, reduci da un filotto entusiasmante ma ancora lungi dall’aver raggiunto la quota salvezza. Vanno bene la gioia, l’euforia ma contenute. L’errore sarebbe quello di affrontare con sufficienza, magari sottovalutandolo un team sulla carta più “abbordabile” rispetto al Terracina, al Monterotondo e al Formia. Non deve accadere. Mister Melchionna in questi giorni è stato perentorio. Pretende dai suoi una gara accorta, senza sbavature, grintosa. Gli ospiti impelagati nella zona bassa della classifica vorranno certamente giocarsi la partita, cercando di strappare punti al Gaeta. Attualmente il Borgo Podgora è teoricamente al di sopra della zona playout (anche se ha  gli stessi punti, 31 del Monte San Giovanni Campano)8sono state le sue vittorie in campionato, 7 i pareggi e 11 le sconfitte,40 le reti all’attivo e 43 quelle subite. Dunque una difesa non certamente eccelsa. Il Borgo Podgora non vince da sei giornate, in pratica dalla squillante vittoria interna col Tor Sapienza (4-0) del 20 gennaio scorso. Da allora quattro pareggi e due sconfitte. Domenica scorsa altro risultato ad occhiali tra le mura amiche con il Boville. Ricordiamo che all’andata, il 4 novembre tra Podgora e Gaeta finì 1-1. I biancorossi passarono in vantaggio dopo una decina di minuti con Emma e vennero riagguantati sul finire della prima frazione di gioco da Martellacci.L’ex della gara è l’attaccante biancorosso Mirko Matteo che all’andata militiva proprio nelle fila del Podgora. A mister Paloni mancherà per squalifica Cannariato. Per quanto riguarda i biancorossi, Rea, ormai in via di recupero potrebbe trovarre posto in panchina. Per ritrovare invece Emma tra gli arruolabili occorrerà probabilmente attendere la prossima trasferta col Tor sapienza, dopo la sosta pasquale.