Al San Carlo vince l’Artena (1-2). Un rigore fallito sullo 0 a 1, tanti inutili assalti e il sospirato pareggio. La beffa nei minuti finali

juniores

Pol. Gaeta : Giunta, Bondanese (1’ st Perillo), Marciano, Sai (1’ st Mazza), Popolla, Matrullo, Ciotola, Esposito (17’ st D’Ambrosio), Picano, Trani (9’st Monetti), Forcina. A disp. Razza -  All. Melchionna

Vis Artena : Valeri (32’ st Farneschi), Falotico, Farneschi, Rossetti, Saturno, De Cinti, Miracolo (43’ st Gandolfo), Screti, Riccio, Di Maggio, Botti (15’ st Marinucci). A disp. Mariani, Coculo, Romano – All. Di Cori

Arbitro : Sig. Sanseverino di Latina

Marcatori : 14’ pt Miracolo (A), 36’ st Perillo (G),  40’ st Di Maggio (A)

Note. Espulsi Valeri (A), Forcina (G) .Ammoniti 11’ st Botti, Di Maggio, Rossetti, Mariani (A). Angoli  4 a 2 per la Vis. Artena – rec. 2’ pt , 4’ st

 

Un’altra sconfitta di misura per la Juniores Elite, questa volta ad opera della Vis Artena, diretta avversaria dei biancorossi nella zona play-out.  Il primo quarto d’ora vede le due compagini affrontarsi a viso aperto, con i padroni di casa decisi a voler tornare alla vittoria tra le mura amiche. Al 14’ sono però gli ospiti a portarsi inaspettatamente in vantaggio con Miracolo che, in contropiede trafigge l’incolpevole Giunta, dopo essere stato servito da un lungo lancio. Al 18’ i biancorossi  sprecano l’occasione del pari con Trani che, servito in area da Ciotola, spara centralmente su Valeri, che mette in angolo. Passano tre minuti ed il Gaeta protesta per un evidente fallo subito in area da Esposito, ma il direttore di gara non ravvisa gli estremi per la concessione del penalty. Al 23’ Giunta si oppone ad un tiro di Botti. Al 25’ Trani in rovesciata mette di poco fuori. Al 32’ il portiere ciociaro rovina su Picano in area, commettendo fallo da ultimo uomo, questa volta non ci sono dubbi, espulsione diretta e calcio di rigore concesso dal Sig. Sanseverino. Il difensore Farmeschi, non essendoci il 12° in panchina, calza i guanti del compagno espulso e prende posto tra i pali. Per il Gaeta sembrerebbe strada spianata. Lo specialista Trani calcia dagli undici metri ma il pallone termina iincredibilmente  fuori, con l’attaccante che rimane attonito per l’errore ed il mister Melchionna incredulo per la ghiotta occasione sprecata. L’episodio comunque non taglia le gambe al Gaeta che non demorde e pressa in massa gli ospiti nella propria metà campo. La prima frazione si chiude con due minuti di recupero ed il punteggio inchiodato sullo 0 a 1 per i romani. La ripresa inizia con i gaetani subito all’attacco e al 4’ Esposito, servito da Picano, solo in area, colpisce la sfera mandandola però tra le braccia di Farneschi. All’11’ è Matrullo a insidiare sempre di testa la porta ciociara, ma la sfera sorvola la traversa. Al 16’ Farneschi è bravo nel respingere una punizione da fuori di Mazza che si ripete più tardi con un tiro che lambisce il palo. Al 20’ il direttore di gara non rileva un fuorigioco di Mannucci che cerca di superare con un pallonetto Giunta in uscita, ma la palla termina alta. Al 36’ il Gaeta finalmente perviene al meritato pareggio grazie all’azione personale di Perillo, che depone la sfera nell’angolo opposto a quello di tiro. Gol bellissimo. Ora la formazione di casa va all’arrembaggio in cerca della vittoria. Al 37’ Mazza si fa ribattere sotto rete il tiro da un difensore. Al 40’, il calcio è anche questo, una disattenzione difensiva consente a  Di Maggio di riportare in vantaggio i suoi con un colpo di testa. Al 42’ ultima occasione per il Gaeta, con palla che danza pericolosamente davanti alla porta avversaria, batti e ribatti, con la sfera che viene spedita fortunosamente out da un difensore. Quattro i minuti di recupero concessi dal direttore di gara, ma i padroni di casa non hanno più la forza di pungere e  gli ospiti chiudono bene gli spazi. Nonostante il Gaeta abbia giocato gli ultimi 15 minuti del primo tempo e tutto il secondo in superiorità numerica, la Vis Artena con una gara accorta è riuscita a portare a casa tre punti pesanti. Tanta buona volontà ma al contempo ingenuità, inesperienza che si traducono in errori ancora una volta rivelatisi micidiali, condannano anche oggi  il Gaeta ad una sconfitta che non rispecchia quanto visto in campo. A distanza di una settimana i ragazzi di Melchionna falliscono ancora la possibilità nel primo tempo di portarsi in parità su calcio di rigore. E di conseguenza affrontare con più serenità e minori affanni il prosieguo della gara. Ora è allarme rosso per quanto riguarda la classifica.