C A M P I O N I !!!!! LA JUNIORES BIANCOROSSA VA IN ELITE ED ENTRA NELLA STORIA DELLA POLISPORTIVA GAETA. PATRON BELALBA:”VOLEVAMO L’ELITE E CI SIAMO RIUSCITI”

el4

POLISPORTIVA GAETA-CITTA’ DI APRILIA 5-1

Polisportiva Gaeta: Andolfi (32′ st Egizzo)i, Iorio, Colozzi, Armenio (19′ st Avella), Galeno, Popolla, Vaudo (18′ st Valentino), Mantoan (22′ st Ottobre), Perito, Mazza (15′ st Carpisassi), Baiano. A disp. Pellino, Di Luca.   All. Visciglia

Città di Aprilia: Luciano, Macheda, Chiapponi, Briglia, Truocchio, Mastrogiovanni, Cecchetto, Coppola, Caldarone, De Falco, Capolfi. A disp. Sy Mohamed Ilady, Monti, Di Fazio, Tedeschi. All. Furini

Arbitro: Sig. Di Resta di Formia

Marcatori: 30′ pt Mazza, 42′ pt Perito, 14′ st Vaudo, 26′ st Carpisassi (G), 44′ st Caldarone (A), 48′ st Avella (G).

Note: Angoli 8-2 per il Gaeta. AmmonitiIorio, Colozzi, Ottobre (G)

Oggi al F. Anellino (San Carlo) di Gaeta è stata festa grande. In un impianto sportivo vestito a festa come non mai con vessilli biancorossi dappertutto, con un’organizzazione impeccabile che non ha lasciato nulla al caso, compreso l’audiodiffusione delle formazioni in campo e l’inno ufficiale, la juniores della Polisportiva ha vinto il proprio raggruppamento garantendosi il diritto a partecipare il prossimo anno ad uncampionato prestigioso quale l”Elite”. Nell’aria una grande emozione, per un sogno cullato da tempo, reso possibile dall’aver dominato il torneo. Ed ora è storia, sì storia della Polisportiva Gaeta, la cui juniores mai aveva avuto accesso all’Elite. Onore anche al Città di Aprilia che ha mostrato impegno e determinazione, cercando di non rendere semplice la vita ai gaetani. E di fatti al 4′ sono proprio gli ospiti a rendersi pericolosi con Briglia  ma è efficace la risposta d Andolfi. Al 16′ bella conclusione di Vaudo ma la sfera termina fuori. Il Gaeta è costantemente proiettato in avanti con la formazione di Furini però sempre pronta a pungere. Come al 18′ su calcio piazzato battuto da Mastrogiovanni. Ottima la risposta di Andolfi che alza sopra la traversa. Alla mezz’ora i biancorossi passano in vantaggio dopo una conclusione dalla distanza di Mazza che sorprende il portiere Luciano che si fa scavalcare dal pallone. E proprio Mazza è una spina nel fianco per gli ospiti. Al 32′ il n.10 gaetano è autore di un altro tiro pericoloso dopo uno scambio con Baiano. Il Gaeta cerca il gol del raddoppio ed è in pratica padrona del campo. Al 39′ ci prova Mantoan ma Luciano si oppone. Tre minuti dopo la squadra gaetana si porta sul 2-0. Dopo il tiro di Iorio e la conseguente parata del portiere, il pallone arriva a Perito che insacca. Il primo tempo si conclude così con il doppio vantaggio dei padroni di casa. Nella ripresa al 9′ Andolfi è bravo a salvare sul tiro di Caldarone. E’ però solo un lampo in quanto i biancorossi spingono continuamente. Al 14′ a seguito di una ripartenza Mantoan è bravo a servire Vaudo che brucia il portiere in uscita. E’ un Gaeta davvero scatenato. Al 26′ è il neo entrato Carpisassi a portare a quattro il bottino delle marcature per il team di Visciglia. Risultato ora davvero in cassaforte. La partita non ha più nulla da dire anche se in campo le due squadre continuano ad affrontarsi con vigore. Ben cinque i cambi per il Gaeta. L’ultima sostituzione è quella di Andolfi, con l’altrettanto ottimo Egizzo, autore di una grande stagione  e ancora non ripresosi completamente da un infortunio. Al 44′ arriva il gol della bandiera per l’Aprilia con Caldarone. Quindi l’arbitro concede qualche minuto di recupero. Ed al 48′ a completare l’abbuffata di gol ecco la rete di Avella. L’incontro termina così sul risultato di 5-1 per il Gaeta, che si lascia andare ad una comprensibile meritata gioia. A San Carlo esplode la festa tra canti, cori, spumante, scherzi. E’ presente anche il delegato allo sport del Comune di Gaeta Gigi Ridolfi, che si complimenta a nome del Sindaco Mitrano. Emozionato e felice davvero il presidente del Gaeta : “Non ho parole per ringraziare i ragazzi, lo staff tecnico e i dirigenti che li hanno seguiti, per lo splendido campionato di cui sono stati protagonisti – ha detto Mario Belalba – Abbiamo strameritato la vittoria del campionato, dopo aver sofferto e lottato. Le difficoltà sono state tante, in primis la mancanza di un terreno di gioco. E poi l’aver dovuto giocare le gare interne senza il supporto del pubblico amico. Lo si sapeva, la Juniores è un pò il nostro fiore all’occhiello. L’Elite è un traguardo prestigioso che volevamo fortemente e che ci consente di entrare nella storia della Polisportiva Gaeta. Un’ultima considerazione vorrei farla per l’impianto sportivo in cui si è disputato l’incontro. Ebbene in tanti ci hanno fatto i complimenti per l’ottimo colpo d’occhio. Ne siamo contenti. E ringrazio quanti hanno collaborato, compreso il Comune. Il Gaeta è questo, passione, determinazione, orgoglio”