Domenica delle Palme amara per i biancorossi. A Monte San Biagio finisce 2-5 per l’Artena

gaeta-artena 2

Pol. Gaeta-Vis Artena 2-5

Pol. Gaeta: Ruocco, D’Ambrosio (27’ st Forcina),Zappalà, Castiglione, Matrullo (27’ st Ottobre), Rizza, Ciotola (5’ st Monetti), Mazza, Raiola, Pepe, Perillo. A disp. Razza, Popolla, sai, Trani. All. Melchionna

Vis Artena: Adinolfi, Coppola, Kanku, Somma, Pizzuti, Pucello, Longo (26’ st Romagnoli),Visone, Monaco G. (19’ st Monaco M.), Castellano (1’ st Valentino), Marinucci. A disp. Saccucci, Proia, Farmeschi, Botti. All. Granieri

Arbitro: Sig. Falasca di Pescara (Ass. Cerilli di Latina e Bianchini di Frosinone)

Marcatori: 3’ pt Monaco G., 9’ pt  e 30’ pt Marinucci, 26’ pt Castellano (A), 32’ pt Pepe su R (G), 8’ st Valentino (A), 35’ st Raiola (G)

Note: Ammonito Coppola (A). Angoli 3 a 2 per il Gaeta. Rec. pt 0’ rec. st 3’

Il posticipo pomeridiano dell’undicesima giornata di ritorno del campionato di Eccellenza è scoppiettante sin dalle prime battute di gara. Al 1’Monaco cerca uno spunto in velocità dirigendosi vero la porta gaetana ma Matrullo è bravo a controllare. Gli ospiti appaiono assai determinati. E al 3’Monaco riesce ad infilarsi tra le lineee ed a trafiggere Ruocco con un’ottima conclusione. Passata in vantaggio, la squadra ospite continua a protendersi in avanti alla ricerca del raddoppio. Al  9’ ecco che Marinucci si fa trovare pronto sottoporta per raccogliere un assist dalla sinistra di Somma. 2 a 0 dopo nemmeno dieci minuti, Gaeta tramortito e gara che si presenta subito in salita per la giovane squadra di Melchionna. Al 12’ è Castellano a rendersi pericoloso. Al 14’ arriva la prima efficace reazione del Gaeta, con Raiola in slalom che salta un paio di avversarie poi serve sempre in area Perillo, il cui tiro però termina alto. Non è facile comunque per i biancorossi contrastare un team rodato come l’Artena, che evidenzia forza fisica, qualità e una notevole determinazione. Al 26’ una errata uscita in scivolata di Ruocco che si fa sfuggire la sfera, consente a Castellano di battere a rete e di portare a tre le marcature per la formazione di Granieri. Quattro minuti dopo azione in velocità dell’Artena che finalizza con Marinucci. Il risultato si va facendo pesante per i gaetani spesso in affanno e costretti a subire  l’avversario odierno sul piano agonistico, della grinta e della fisicità. Al 31’ Mazza viene steso in area di rigore da Coppola. Penalty per il Gaeta ed ammonizione per il difensore ospite, che ha rischiato l’espulsione. Dal dischetto batte Pepe che segna, anche se Adinolfi era riuscito ad abbrancare la sfera, finita poi in rete. La prima frazione di gioco termina con l’Artena in vantaggio per quattro reti ad una. In avvio di ripresa, dopo un’azione personale ,al 2’ ci prova Rizza, oggi il migliore della sua squadra. Al 4’ Raiola fallisce un’occasione d’oro per ridurre lo svantaggio. La sfera termina di poco a lato. Il Gaeta comunque è determinato e non molla nonostante il largo svantaggio. Al 6’Coppola sfiora il clamoroso autogol su un cross di Matrullo. Ma all’8’ arriva per la squadra di casa un’altra doccia fredda, con la quinta marcatura dell’Artena realizzata da Valentino. Al 25’insidioso calcio piazzato battuto da capitan Zappalà con la sfera di poco a lato. La gara si mantiene viva. Non ravvisato dal direttore di gara un fallo da rigore per il Gaeta. Al 35’ Raiola accorcia le distanze scaraventando in rete un pallone che si era trovato tra i piedi dopo una conclusione di Ottobre. Siamo sul 5 a 2 per gli ospiti. Il finale di gara vede ancora i generosi giovani gaetani tentare qualche ulteriore sortita. Al 41’ a cercare la via della rete è ancora Raiola ma Adinolfi para a terra. Tre i minuti di recupero. Il match si conclude con il netto successo della Vis Artena, che può così continuare la sua rincorsa alle posizioni di vertice. Il Gaeta paga dazio ancora una volta per qualche errore di troppo ed inevitabilmente per l’inesperierenza, soprattutto al cospetto di una formazione di diverso spessore,esperta e ben attrezzata come l’Artena.