L’avversario di domenica: l’Albalonga, reduce da cinque vittorie consecutive senza subire gol e seconda in classifica. Una squadra ambiziosa, ridisegnata la scorsa estate.

LAURETTI-300x200

Non sarà certamente un avversario semplice, anzi. Parliamo dell’Albalonga di Pierpaolo Lauretti  ex Real Monterosi, che già dall’inizio non ha nascosto la volontà di disputare un campionato ambizioso. Della vecchia squadra sono rimasti solo Amico, Leacche, Forcina e lo storico capitano Trinca. ll nuovo direttore sportivo Tomei, dal S.Maria delle Mole è stato accompagnato dai difensori Berdini, Verdini ed dal centrocampista Panella. Dal Real Monterosi  sono arrivati i centrocampisti Italiano, Di Ludovico e il portiere Patano.Dal Fondi è arrivato il centravanti Bez, molto prestante fisicamente. E poi un bel gruppo di giovani di prospettiva sui quali Lauretti sta lavorando bene. E dopo una partenza stentata ecco arrivare un filotto di risultati con un pareggio e cinque vittorie consecutive che hanno proiettato la squadra di Albano al secondo posto a 19 punti a due sole lunghezze dalla battistrada Lupa Castelli. Di certo un grande lavoro il tecnico l’ha fatto con la difesa, avendo finora l’Albalonga subito solo 7 reti (seconda migliore retroguardia). Nelle ultime cinque giornate, quando come detto ha sempre vinto, la squadra del patron Camerini non ha mai subito gol. L’attacco dei castellani  ha all’attivo 14 reti. Domenica con il Gaeta mancherà l’attaccante Mirko Forcina squalificato. Per quanto riguarda i biancorossi saranno a disposizione i reintegrati Migliozzi e Romano. Tornerà dopo l’infortunio anche Bosco, che potrà essere utilizzato o in difesa o a centrocampo. Probabilmente non sarà della partita Fortunato a casa di un risentimento.