MELCHIONNA: CON L’ ARCE E’ DECISAMENTE MANCATO L’ ATTEGGIAMENTO GIUSTO. CON L’UNIPOMEZIA GARA NON SEMPLICE. OCCORRE RIPARTIRE DALLO SPIRITO E DALLE BELLE PROVE DELLE PRIME DUE GIORNATE. SPERO DI RECUPERARE GLI INFORTUNATI

melchionna-7

Per il Gaeta domenica scorsa una sconfitta interna con l’ Arce decisamente inaspettata, considerato l’ avversario, tra l’ altro reduce da due ko nelle prime giornate di campionato ma soprattutto alla luce della brillante prova sciorinata dai biancorossi la domenica precedente a Itri. “Una partita che sotto l’aspetto dell’ intensità, della cattiveria, della voglia di vincere abbiamo meritato di perdere – ha spiegato l’ allenatore Melchionna – E sicuramente l’ Arce in quella gara ci è stata superiore per tali caratteristiche. Se poi ci riferiamo alle occasioni da gol nostre e loro, allora il pareggio sarebbe stato il risultato più equo. Pensiamo ad esempio alle due chiare opportunità avute da Comperchio sul punteggio di 1-2. Comunque è una battuta d’ arresto che non deve scalfire le ottime prestazioni di cui siamo stati capaci nei primi due incontri ma ci deve far riflettere sul tipo di atteggiamento avuto e che non dovrà più ripetersi. Probabilmente si è trattato anche di una questione mentale, inconsciamente la posizione in classifica dell’ avversario può aver portato a sottovalutarlo. Ciò può succedere soprattutto avendo una squadra giovane. In ogni caso va ribadito che l’obbiettivo finale è quello di una salvezza tranquilla, mirando a far meglio della scorsa stagione. In simili gare sarebbe stato utile l’ apporto anche di esperienza e caratteriale di ragazzi come Saani e Kouadio che avrebbero potuto scuotere i compagni di squadra. Sotto l’ aspetto tecnico chi li sta sostituendo lo sta facendo egregiamente. L’ importante, ripeto è ripartire da quanto di buono fatto nelle prime due giornate di campionato”. Domenica non poche sono state le polemiche per l’esagerata perdita di tempo della squadra ospite, con proteste in campo e sugli spalti. “All’ Arce faccio i complimenti per essere venuti a Gaeta con lo spirito giusto, rivelatosi vincente – ha detto Melchionna – Ma non posso non stigmatizzare un loro marcato atteggiamento antisportivo, già dopo alcuni minuti di gara. Andare continuamente a terra interrompendo di fatto continuamente e costantemente il gioco non rende onore all’ Arce che è una gran bella squadra allenata da un ottimo tecnico. Posso capire una perdita di tempo a cinque minuti dal termine, ma già dopo dieci minuti di gioco no. Basta vedere il recupero assegnato dall’ arbitro, ben sette minuti.” Il Gaeta domenica è atteso da un match non certo semplice, in trasferta con l’ Unipomezia, una formazione alla vigilia accreditata tra le protagoniste ed in affanno dopo tre giornate di campionato. “L’ Unipomezia, al di là della classifica attuale,  la reputo una squadra importante – ha commentato il tecnico del Gaeta, che domenica osserverà la gara  dalla tribuna, essendo stato squalificato per due giornate - . L’organico è di tutto rispetto ed io la colloco alla pari di compagini come il Cassino, il Serpentara, il Colleferro e anzi sono convinto che tra non molto la troveremo lassù. E’ allenato da un tecnico preparato, Flavio Catanzani, che lo scorso anno ha portato l’ Anzio in serie D. Non sarà affatto facile, ma noi pur rispettando l’ avversario, cercheremo di riscattare la sconfitta di domenica”. L’ Unipomezia sarà privo del difensore Piccheri, appiedato per un turno.Novità per i biancorossi domenica  potrebbero esserci sia per quanto riguarda il sistema di gioco che gli stessi interpreti. “Noi da questa estate siamo pronti a schierarci con la difesa a 3 o a 4.- ha rivelato Melchionna - E’ in atto una valutazione, anche alla luce delle relazioni avute sui prossimi avversari. Sabato mattina decideremo. Ma al di là del modulo mi interessa l’ atteggiamento della squadra, fatto di determinazione e voglia di battersi su ogni pallone dall’inizio alla fine. Per quanto riguarda i calciatori a disposizione sono tornati in gruppo pur con qualche accorgimento Kouadio e Di Ruggiero, mentre Saani sta ancora svolgendo un lavoro differenziato. Spero di poterli avere a disposizione tutti e tre per la trasferta di Pomezia. Poi sabato deciderò chi impiegare dall’ inizio e chi portare in panchina”. Al Riciniello dunque si continua a lavorare per preparare al meglio un match che il Gaeta non deve sbagliare, soprattutto dal punto di vista dell’ approccio alla gara, puntando ad un risultato positivo per muovere la deficitaria classifica attuale.