RISPETTO MA DETERMINAZIONE PER UN AVVERSARIO OSTICO, IL CISTERNA DI PATALANO

foto cisterna boville

Proprio un paio di giorni fa mister Melchionna in conferenza stampa l’ha detto: “Rispetto, non paura dell’avversario, qualsiasi esso sia. Ma occorrerà giocare col massimo impegno e determinazione con il Cisterna”.
Bene, siamo perfettamente d’accordo con le considerazioni del tecnico biancorosso, dal momento che al Bartolani ci sarà bisogno di concentrazione, sacrificio, qualità di gioco e lucidità per affrontare i padroni di casa, una delle compagini meglio attrezzate del raggruppamento.
Sì, proprio il Pro Cisterna, la cui società quest’anno ha cambiato denominazione con il ritorno a quella dell’inizio della storia biancoceleste, nel 1926 .
La stessa società che poi, dopo tanti successi, partecipò nel 1985 anche all’ora campionato di C2.
Quest’anno sulla panchina del Cisterna, che già lo scorso anno conseguì unottimo risultato piazzandosi al 5° posto, è arrivato Manolo Patalano, un bel curriculum in Eccellenza e in D. Assieme a lui sono arrivati anche alcuni validi innesti. Non sappiamo se l’attaccante ex Formia Liccardi riuscirà a riprendersi dall’infortunio e a scendere in campo. E comunque quello sciorinato dal Pro Cisterna è già un buon calcio e l’ha dimostrato subito andando ad impattare su un campo difficilissimo come quello di Boville.
E l’ha fatto soprattutto con una prestazione positiva. Una volta l’incontro di calcio Pro Cisterna-Gaeta era tra i più attesi della stagione. Auspichiamo che domenica le due squadre riescano ad offrire in campo uno spettacolo degno del loro blasone.

Foto: www.procisterna1926.com