TANTE LE OCCASIONI SPRECATE, UNA DIREZIONE ARBITRALE ASSAI POCO ILLUMINATA E….INGIUSTIZIA E’ FATTA !!! 0-1 UN RISULTATO DAVVERO BUGIARDO

gaeta-pro cisterna

POL. GAETA-PRO CISTERNA 0-1

POL. GAETA: Maffeo; Mantoan; Colozzi (83° Colozzi) ; Bosco; Rea; Di Emma; Sandu (46° Leccese Sam.); Romeo (54° Visciglia); De Lorenzo; Zingrillo; Matteo.    A disp.: Cuomo; De Meo; Armenio; monaco    All.: Melchionna

Pro Cisterna: Sambucini; Iacobacc; Pinna; Di Girolamo (84° Petitti); Galasso; Razzini; De Gennaro; Incitti; Federici; Cini (86° Callori); Mariti (73° Ruberto).  A disp.: Fallini; Ciaciò; D’Amico; Gismondo     All.:  Patalano

Arbitro: Mattera di Roma 1. Assistenti  Carbotti e Tucci di Albano Laziale

Marcatori: 20°Mariti (C)

Note: giornata grigia ed a tratti piovosa. Si gioca al Perrone di Formia in quanto al momento il Riciniello non è omologato. In tribuna gli spettatori sono 200 circa, con piccola rappresentanza di sostenitori ospiti. Espulso De Lorenzo (G) al 42°per somma di ammonizioni. Ammoniti De Gennaro, Galasso (C), Leccese Sam. ,Mantoan (G)

Finisce tra il nervosismo generale e con l’acre sapore della beffa nell’aria. Spieghiamo subito che ad uscire bastonato dal Perrone di Formia è immeritatamente il Gaeta, che ha senza dubbio di che lamentarsi per le troppe ghiotte opportunità da rete avute ma che anche è stato vittima di una direzione arbitrale avvilente, disastrosa, imparziale. Tanto che al termine dei 90 minuti di gioco il nutrito drappello di tifosi biancorossi, che vanno elogiati per il calore, il sostegno e l’attaccamento alla squadra, sono andati via sconcertati ed avvelenati per l’arbitraggio del sig. Mattera che con il suo penoso operato  ha fatto pendere la bilancia dalla parte degli ospiti. Nel corso del primo tempo le due squadre si sono affrontate a viso aperto. Ne è venuta fuori una gara equilibrata. Da registrare al 7° un bel tiro di Matteo non molto alto sulla traversa. Al 20° disattenzione della retroguardia biancorossa su un taglio dei biancocelesti. Per Mariti è semplice battere a rete. Il Gaeta prova a reagire . Intanto de Lorenzo riceve il cartellino giallo. Al 26° grande azione del Gaeta. Matteo dalla sinistra serve splendidamente Romeo che tira al volo ma è sfortunato e sulla sua traiettoria trova Pinna. I biancorossi ora rincorrono il pareggio, anche se non vi sono da annotare azioni particolarmente pericolose. A tre minuti dal termine della prima frazione ecco il “fattaccio”. De Lorenzo cade a terra ed il direttore di gare decide che si tratta di simulazione, degna di essere sanzionata con il giallo. Così tra le proteste della panchina gaetana e del pubblico sugli spalti, il n.9 gaetano con disappunto si vede costretto ad abbandonare il terreno di gioco per squalifica dovuta a somma di ammonizioni. L’arbitro con una decisione troppo avventata e poco giustificabile azzoppa così  i biancorossi. Al 46° il direttore di gara ignora un fallo su Matteo. Altro brutto segnale. Primo tempo che termina con gli ospiti in vantaggio. Il Gaeta torna in campo con Samuele Leccese al posto di Sandu. Nonostante le pessime condizioni del campo sono i biancorossi, generosi e volitivi a fare la gara, spronati anche dai supporters in tribuna. Al 5° Maffeo sventa un pericolo portato da Cini. Su conseguente calcio d’angolo è Galasso a sfiorare il gol. Al 54° Melchionna decide che è arrivato il momenti di provvedere al secondo cambio e fa entrare Visciglia in luogo di Romeo. Poi è Samuele Leccese al 56° con una delle sue punizioni ad impegnare seriamente Sambucini. Gran bella occasione al 61° per il pimpante Matteo che però spedisce sopra la porta. Al 65° è De Gennaro che manda il pallone a stamparsi sulla traversa dopo una respinta di Maffeo. Un minuto dopo coraggiosamente ci riprova Leccese con un gran bel tiro al volo che finisce fuori. Al 71° altra clamorosa palla gol del Gaeta, al quale in questa seconda frazione di gioca nulla si può imputare. Stavolta è Visciglia a fallire il bersaglio tirando sul portiere. Un minuto dopo elegante ed efficace azione del solito Matteo ma il portiere ospite è bravo a parare. Oggi la porta avversaria sembra stregata. Anche nei minuti di recupero i biancorossi graziano il Pro Cisterna, con Zingrillo e Simone Leccese (subentrato all’82° a Colozzi) che colpiscono debolmente a due passi dalla porta. L’incontro termina sul risultato di 0-1 per gli ospiti. Peccato, perché il Gaeta nella ripresa pur in inferiorità numerica e nonostante gli interventi spesso contrari dell’arbitro, ha giocato con orgoglio, carattere, determinazione, costringendo i biancorossi alla difensiva. Lo riconoscerà piu tardi in sala stampa anche Manolo Patalano tecnico del Cisterna. “Il Gaeta mi è piaciuto molto…”- queste le sue parole. E riguardo all’arbitraggio: “Bisogna anche riconoscere che in Eccellenza vi sono arbitri giovani, devono fare esperienza…”Ai ragazzi di mister Melchionna probabilmente è mancata la lucidità sotto porta. Ad ogni modo il pareggio sarebbe stato meritatissimo.