TUTTISANTI DA DIMENTICARE PER LA JUNIORES ELITE. UNA SQUADRA IRRICONOSCIBILE E’ COSTRETTA A SUBIRE UN PESANTE PASSIVO DAL SAVIO

gaeta-savio

POL. GAETA-SAVIO 0-5

Pol. Gaeta: Venditti, Noce, Colozzi, Corrado (17′ st Galeno), De Meo, Popolla (1′ st Armenio), Veglia, cera, Leccese (28′ st Calcagni), Vaudo (21′ st Mazza), Di Luca (14′ st carpisassi). A disp. Iorio.. All. Melchionna-Colozzo

Savio: pirino, Valente (9′ st Didomenicantonio), Liviello, Lorenti (3′ st Alicida),Tomei, Laurenzi (29′ st Sbrolli),Vecchiotti, Ricci (16′ st Falconieri),Abruzzetti (32′ st Tocci), Passeri, Grossi. A disp. Armenia, Barbato. All. Bolic

Arbitro: Sig. Francesca Capone di Cassino

Marcatori: 8′ pt Abruzzetti, 28′ pt Popolla Aut., 14′ st Didomenicantonio, 28′ st Laurenzi su R,37′ st Passeri (S).

Note: espulso Leccese (G) dalla panchina. Ammoniti De Meo, Armenio, Cera (G), Lorenti, Grossi (S)

 

Un Gaeta che non ti aspetti,sbiadito, poco autorevole e affatto determinato, troppo brutto per essere vero viene travolto, per quanto riguarda le reti subite, da un Savio concreto, lucido, assai determinato e concentrato. Saranno stati i postumi della notte delle streghe, chissà. Fatto sta che oggi è mancata la giusta mentalità. E lo si è visto subito dall’approccio alla gara, troppo soft. Al 4′ Abruzzetti ad un passo dal portiere spreca una grande occasione. Ma si è trattato di una prova generale. Infatti all’8′ lo stesso centravanti romano, liberissimo in area, colpisce di testa e segna. Poi finalmente il Gaeta reagisce e dimostra di non temere il confronto con il Savio. Ma nonostante la spinta offensiva poi di concreto non v’è nulla. Al 28′ su calcio di punizione battuto dagli ospiti Popolla colpisce di testa il pallone che va ad infilarsi nell’angolino della porta difesa da Venditti. Romani dunque in vantaggio alla mezz’ora circa per 2-0. E tale resterà il risultato fino al termine della prima frazione di gioco.La ripresa inizia con il Gaeta in avanti. Ma come accaduto dopo il primo gol, quando i biancorossi cercano di replicare, arriva un errore a complicare ulteriormente la situazione. Corrado al 14′ perde un pallone e subito rapida scatta la ripartenza del Savio con ben tre calciatori. Niente da fare per Venditti che viene superato dal tiro di Didomenicantonio. Tre minuti dopo Leccese ben piazzato di testa fallisce il bersaglio. Al 20′ conclusione del gaeta e respinta di Pirino, poi nuovo tiro ravvicinato di Cera ed il portiere è bravo a respingere questa volta in angolo. Al 28′ l’arbitro assegna un calcio di rigore al Savio per un fallo di mano di Colozzi. Forse dimenticandosi che prima c’era stata una carica sul portiere. Ad ogni modo batte Laurenzi e segna. Prova a rendersi pericoloso il nuovo entrato Mazza che al 32′ sfiora il gol direttamente su calcio di punizione. Pallone di poco oltre la traversa.Al 37′ è Passeri a portare a cinque le reti per la sua squadra, risultato pesantissimo. Due minuti dopo conclusione di Carpisassi parata dal portiere. Al 40′ Pirino vola per deviare in angolo il tiro dalla distanza di Mazza. Quindi ancora un tiro di Mazza ma il portiere riesce a deviare. Il Gaeta fino all’ultimo cerca il gol della bandiera. Al 42′ Galeno prova la conclusione, para a terra il portiere. Replica del Savio al 45′ con una conclusione ravvicinata di Passeri. Miracolo di Venditti. L’incontro termina con la squadra di mister Bolic vincitrice per 5-0 a Sperlonga. Auspichiamo che la lezione odierna possa servire ai biancorossi per il futuro. Affrontare un avversario tonico e quadrato come il Savio così come lo si è fatto oggi, non può che comportare simili passivi.