UN GRANDE GAETA SENDE L’ ARPINO (3-1). TRE GOL, DUE PALI E VARIE OCCASIONI GOL PER L’ ATTESA FESTA BIANCOROSSA

golo

POL. GAETA- ARPINO 3-1

POL. GAETA: Fernandez, Ciotola, Silano (25’ st Silano), Otero, Mirabet, Barrerò, Iguaddou (41’ st Quintana), Pepe (8’ st Masiello), Di Meo (27’  st  Kabangu), Cano, Diallo. A disp. Oliva, Bello, Popolla, All. . Cappuccilli

ARPINO: Rea, Gabriele, Scappaticci (1’ st Fiorini), Colafrancesco, Raponi, Merolle, Bruni (32’ st Protano), Musi, Ancora (1’ st Alviani), Grossi (38’ Mastroianni), Forlini. A disp. Zolla, Hebeja, Bianchi. All. Gallone

Arbitro: Sig. Ermanni di Latina ( Ass. Di Mambro di Cassino-De Lorenzo di Latina)

Marcatori: 18’ pt Cano, 47’ pt Pepe su R (G),44’ st Fiorini (A), 48’ st Quintana (G)

Note: Angoli 6-3 per il Gaeta   3’ rec pt 5’ rec st

 

Il Gaeta quest’ oggi al Riciniello non ha tradito le aspettative della tifoseria e ovviamente della società, rendendosi protagonista di un’ ottima prestazione che le ha permesso di dominare l’ avversario e di portare a casa più che meritatamente i tre punti in palio. Già dai primi minuti i biancorossi cercano di fare la voce grossa. Al 12’ ci prova Otero ma non ha difficoltà a parare Rea. Al 17’ Cano da buona posizione sparacchia alto dopo una interessante manovra offensiva.. Ma un minuto dopo lo stesso numero dieci gaetano si rifà. In velocità si libera di un avversario e lascia partire un diagonale che sorprende l’ estremo difensore ospite. Gol davvero di bella fattura. Gli ospiti cercano immediatamente la replica e al 22’ è provvidenziale l’ intervento di testa di Ciotola sulla linea di porta a salvare il risultato. Il Gaeta ad ogni modo è padrone del campo. Sugli spalti si fanno sentire i nuovi boys biancorossi, la nuova generazione di tifosi che ogni domenica segue e sostiene con affetto la squadra. Al 33’ applausi per Hamza la cui conclusione è respinta in angolo da Rea. Al 35’ clamoroso palo colpito da Pepe a tu per tu con il portiere ormai battuto. Piace questo Gaeta che sciorina un bel calcio. Al 37’ un episodio che certamente fa discutere. Su Hamza viene commesso fallo da ultimo uomo in area di rigore. In un primo tempo l’ arbitro sembra non avere dubbi a concedere il penalty. Poi si consulta con il suo assistente e decreta il calcio di punizione dal limite. Tre i minuti di recupero concessi dal direttore di gara. E al 48’viene commesso un evidente fallo su Hamza. Sul dischetto  va capitan Pepe e segna. La prima frazione di gioco si conclude con il Gaeta in vantaggio per 2 reti a zero. In avvio di ripresa punizione insidiosa dei ciociari con il pallone che termina fuori di non molto. Tre minuti dopo l’ ottimo Hamza si incunea in area di rigore ma la sua conclusione termina a lato. Occasione d’ oro. Al 25’ poi da registrare un incredibile palo colpito da Cano. Il risultato finora va stretto alla formazione di Cappuccilli. Al 28’ bellissima azione biancorossa con Hamza  che serve bene Kabangu il quale a porta spalancata non colpisce bene la sfera. Insiste il Gaeta e al 36’ Ciotola spedisce in area un bel pallone ma Rea para a terra. Poi al 44’ improvviso ecco il lampo dell’ Arpino che va in gol con Fiorini che segna dopo una precedente respinta di Fernandez. Cinque i minuti di recupero. Al 48’Quindana chiude definitivamente i conti portandosi avanti e indirizzando il pallone nell’ angolino. Gran gol, alla sua maniera L’ incontro si chiude con i gaetani vittoriosi per 3 reti ad una. Ma le marcature potevano essere di più. Il Gaeta ha confermato l’ impressione di squadra manovriera, tecnica, ben strutturata e con una rosa assortita. E domenica prossima potrebbero essere disponibili, transfer permettendo, il centrocampista Bosco e l’ attaccante iberico Garcia. Intanto oggi si fa festa